La primavera oltre a risvegliare la natura, risveglia in noi lo spirito di cambiamento e si sa che quando una donna vuole cambiare qualcosa nella propria vita lo fa partendo dai capelli.

Non sempre però il taglio di capelli è legato a cambi drastici dell’esistenza, a scelte o salti nel vuoto; semplicemente è solo un modo per dare sfogo alla voglia di provare e sperimentare. Fidatevi di me, ho cambiato più tagli di capelli che scarpe, so di cosa parlo 😉

La domanda alla quale cercherò di rispondervi è semplice: quali sono i tagli che andranno più in voga la prossima stagione? La risposta è apparentemente semplice perché a volte non basta scegliere il taglio sul catalogo e precipitarsi dalla parrucchiera. La questione è molto più complicata perché vanno considerate tante variabili: forma del viso, colore naturale, se i capelli sono tinti o meno, velocità di crescita, struttura del capelli, colore degli occhi o dell’incarnato.

Non fatevi ingannare dalle immagini patinate delle riviste!

Ritornando a noi, il corto sarà ancora il protagonista anche se molte stare e celebs hanno optato per la variante bob medio lungo fino alle orecchie: si porta con onde morbide e leggermente spettinato e sta benissimo a chi ha il viso non troppo lungo, l’incarnato chiaro e i capelli che vanno dal biondo cenere al castano.


Il taglio corto netto è quello che preferisco: facile da portare, sta bene quasi a tutte le fisionomie e si può variare la palette di colori andando da quelli classici (nero, castano, biondo) fino ai più inusuali (rosa, azzurro, arancio). Sta bene a chi ha la carnagione olivastra e gli occhi scuri anche se non disdegno la variante in biondo, meglio se tendente al bianco o al grigio. Il taglio corto ci permette di giocare con gli accessori: dagli orecchini a lampadario fino alle maxi collane che non perderanno mai di importanza proprio perché non verranno mai messi in secondo piano dal taglio di capelli.


Per chi invece è troppo legata al taglio lungo, la variante potrebbe essere il bob con una lunghezza che supera le spalle, rigorosamente dritto e portato ondulato e spettinato (esattamente come quello corto). Sta bene a chi ha i capelli degradè o sfumature di più colori – mi raccomando però se scegliete di fare i capelli bronde o fate lo shatush controllate sempre la bravura del parrucchiere altrimenti vi ritroverete i capelli spezzati di netto in due colori –


 

Io ho scelto il modello pixie con un taglio corto con la sola lunghezza del ciuffo a destra. Voi invece, quale preferite?

 

Vi aspetto alla prossima, sempre qua 😉

 

PIC: PINTEREST

Commenti

Inoltre vi consiglio di leggere...