FENDI: un nome, una storia da raccontare, una tradizione, un sogno.

Il palazzo della civiltà a Roma (conosciuto ai più come “Colosseo quadrato”) è il quartier general della maison Fendi che opita fino al 29 ottobre la mostra “The artisan of a dream“: una mostra quasi tattile in cui si può comprendere la passione e l’arte che c’è dietro ogni signolo pezzo della maison.

L’impatto visivo  è imponente: ci si sente piccoli davanti alla grandezza dell’opera architettonica che porta, fiera, sulla sommità una scritta:

“Un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigratori”

 

Appena varcata la soglia, il nome della maison campeggia in alto e una statua vestita di pelliccia accoglie i visitatori. Le stanze della mostra ospita gli artigiani dei sogni: un vero artigiano Fendi che lavora al ricamo di un tessuto.

In assoluto la stanza che più mi ha colpito è stata quella dei Karlitos: piccoli peluche in pelliccia a forma del mitico Karl Lagerfeld.


Gli specchi danno l’idea della continuità e il colore dei Karlitos si espande fino all’infinito.

Potete vedere la mia esperienza qui:

 

“I have many regrets. Fendi is not one of them”

Commenti

Inoltre vi consiglio di leggere...