Una coltivzione di lavanda in cui perdere lo sguardo, un lunghissimo carpet rosa e gli ospiti accomodati in un frontrow campagnolo: sono questi gli ingredienti scelti da Jacquemus per festeggiare i suoi 10 anni.

Jacquemus-en-Provance, sembrerebbe il titolo di un film francese anni 30 e invece è “solo” ciò che è successo nell’ultima settimana nel mondo della moda.

Il rosa, joie de vivre, è il color dominante dell’intera sfilata: dall’impalcatura tutta naturale fatta da terra e lavanda fino ai capi che hanno sfilato presentando così la personale idea della maison della gioia di vivere.

Un catwalk rosa sul quale hanno sfilato capi della collezione maschile per la prossima stagione, in una personale visione del mondo da parte dello stilista. Giacche oversize indossate da modelle che appaiono così naturali, con make-up e acconciature che sembrano lasciate quasi al caso.

Forte è il richiamo alla natura, al “locus amoenus” nel quale tutto ciò che è idilliaco si compie. Un ritorno all’essenza dello stilista: è nato, infatti, nel 1990 proprio a Salon de Provence, nella regione sud della Francia.

E così si fonde la moda, l’artigianalità, la passione con le radici e  la tradizione provenzale, tra lavande e profumo di mare.

Il viola è nato un giorno di primavera in un campo di lavanda. Deve aver cercato a lungo un luogo come questo dove i filari vanno dritti verso l’orizzonte come se fossero invitati a un ballo con l’infinito.
(Fabrizio Caramagna)

 

Commenti

Inoltre vi consiglio di leggere...